Sono 20 i calciatori convocati per la gara Castrovillari-Messina

Condividi su:

Il Messina è pronto a oltrepassare lo Stretto e tornare in terra calabrese dopo oltre due mesi per la sfida dello stadio “Mimmo Rende”, dove domani affronterà il Castrovillari. Importante tappa, la 21^ del girone I di Serie D, per i giallorossi che, dopo i tre punti contro il San Tommaso, sono intenzionati a dare continuità al successo interno per proseguire la marcia verso i play-off.

La squadra di mister Karel Zeman ha concluso questa mattina la settimana di allenamenti al “Despar Stadium”. Dopo la rifinitura sul sintetico di Bisconte, il tecnico peloritano ha convocato 20 giocatori: ancora indisponibili il difensore Francesco Barbera, il centrocampista Dejan Danza, gli attaccanti Francesco Orlando, Carmelo Famà ed Eugenio Licciardello, ai quali si è aggiunto anche Manuel Puglisi, costretto allo stop dopo la partitella infrasettimanale. Subito in lista, invece, il neo arrivato, il difensore Samuele Emiliano.

La squadra calabrese, che fin qui ha conquistato 21 punti (uno in più sulla zona play-out), non vince dallo scorso 1 dicembre (2-0 sul Licata): da allora un punto in sei partite. Nella gara di andata il Messina vinse 3-1, che valse la prima vittoria in campionato: al vantaggio ospite di Puntoriere su rigore, i giallorossi risposero nella ripresa con le reti di Coralli, Saverino e Crucitti.

A dirigere l’incontro di domani sarà Fabio Rosario Luongo della sezione di Napoli, coadiuvato dagli assistenti Pietro Serra della sezione di Tivoli e Domenico Romano della sezione di Nola. Calcio d’inizio alle ore 14.30.

I CONVOCATI:

PORTIERI: Michele Avella, Alessio Pozzi.

DIFENSORI: Francesco Bruno, Attilio Cinquegrana, Vincenzo De Meio, Samuele Emiliano, Alessandro Fragapane, Gaetano Ungaro, Raffaele Vuolo.

CENTROCAMPISTI: Fabio Bossa, Francesco Buono, Alessio Cristiani, Giovanni Lavrendi, Gianluca Sampietro, Francesco Saverino.

ATTACCANTI: Pietro Arcidiacono, Angelo Cafarella, Antonio Crucitti, Matteo Manfrè Cataldi, Mattia Rossetti.

 


Condividi su:

Rispondi