Serie C: cosa aspettarsi da questo finale di stagione

Condividi su:

Il campionato di Serie C si avvia alle battute conclusive e nel girone C, quello meridionale a cui prende parte il Messina Calcio, tutto è ancora da decidere. Sia per quanto riguarda il discorso promozione, sia per quanto riguarda la zona playoff che in zona retrocessione, la lotta è più serrata che mai e non vediamo l’ora di scoprire chi alla fine riuscirà a prevalere sugli avversari.

La situazione in zona promozione e zona playoff

Per il terzo anno consecutivo il Bari si presentava ai nastri di partenza del Girone C di Serie C con il pronostico dalla propria parte. I galletti – forti del sostegno della famiglia De Laurentiis in presidenza e del rinnovo della sponsorizzazione tecnica con Kappa – nel 2020 vennero sorpresi dalla Reggina che riuscì a vincere il campionato e poi vennero eliminati nella finale playoff giocata contro la Reggiana. Nel 2021 fu invece la Ternana di Cristiano Lucarelli a conseguire la vittoria contro i pugliesi, con i rossoverdi che misero a segno il record storico di punti. Alla vigilia di questo campionato, pertanto, il Bari era stato nuovamente individuato come la squadra da battere, nonostante il rapporto tra proprietà e tifoseria avesse iniziato a incrinarsi. Grazie all’ottimo lavoro svolto sinora da mister Mignani, il Bari guida la classifica con un vantaggio in doppia cifra sul Catanzaro secondo in classifica e con cinque giornate ancora da giocare sembra essere padrona del proprio destino, come testimoniato anche dalle quote calcio che vedono i pugliesi come favoriti assoluti per la promozione diretta in cadetteria. Alle spalle dei biancorossi continua la rincorsa del Catanzaro che, però, non è ancora riuscito a trovare la continuità di risultati richiesta per fare la differenza. Discorso analogo vale per l’Avellino che, dopo il pareggio interno conquistato proprio contro il Messina, pare aver detto definitivamente addio al sogno promozione diretta. I campani, però, cercheranno di fare la differenza nei playoff e in tal senso sarà fondamentale il piazzamento finale.

Focus sul finale di stagione del Messina

In casa Messina, dopo aver temuto il peggio, si inizia a guardare al futuro con cauto ottimismo anche in considerazione del fatto che i siciliani nelle ultime settimane sono riusciti a invertire la rotta e portarsi ai margini delle zona playout. L’obiettivo resta la salvezza diretta, ma da qui al termine del campionato la squadra allenata da mister Raciti, tornato in panchina dopo la parentesi con Eziolino Capuano, dovrà necessariamente cambiare marcia. Attualmente nelle zone meno nobili della classifica ci sono squadre come il Potenza e la Paganese che avevano approcciato al campionato con ben altre ambizioni, ma che ben presto si sono ritrovate a battagliare in fondo al gruppone. I siciliani, a ogni modo, sono reduci da un buon pareggio conquistato in esterna sul difficile campo di Avellino e hanno lasciato intendere di essere ancora vivi e di non aver intenzione di alzare bandiera bianca prima del previsto. Certo, nelle gare che mancano da qui al termine della stagione i messinesi dovranno essere bravi a profondere lo sforzo decisivo per la volata salvezza, ma la sensazione è che abbiano a propria disposizione tutte le qualità per sognare in grande. Ancora una volta il Girone C di Serie C si è dimostrato più simile a una B2 che a un campionato di C, e la differenza verrà fatta dalle squadre che sapranno affrontare ogni incontro come fosse una finale. Esclusa la Vibonese, in ultima posizione e che ormai è praticamente certa della retrocessione in Serie D, dalla Fidelis Andria che è penultima al Campobasso che è al 14esimo posto, nessuna squadra può sentirsi al sicuro e non vediamo l’ora di scoprire chi alla fine riuscirà a spuntarla.

Dando un’occhiata agli altri gironi di Serie C notiamo come ancora una volta il girone più equilibrato sia stato quello meridionale. Nel Girone A il Sudtirol è ormai certo della promozione in Serie A e, forte della miglior difesa d’Europa con soli sette goal subiti, si gode un vantaggio più che rassicurante sul Padova secondo. Discorso analogo vale nel Girone B, dove al Modena è riuscita una clamorosa rimonta ai danni dei cugini della Reggiana, con i canarini che nelle ultime 25 giornate sono la squadra che ha raccolto più punti in tutte le serie professionistiche italiane. Nel Girone C, come visto, il Bari si avvicina a lunghi passi verso la promozione, ma i galletti dovranno sudare ancora prima di tagliare il tanto agognato traguardo.

 


Condividi su:

Rispondi